Il decreto ministeriale n. 44 del 23 gennaio 2016Riorganizzazione del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ai sensi dell’art. 1, comma 327, della legge 28 dicembre 2015, n. 208” ha creato le nuove soprintendenze uniche ARCHEOLOGIA, BELLE ARTI E PAESAGGIO, con una distribuzione territoriale differente dal passato.

La Soprintendenza, operativa dall'11 luglio 2016, ha il compito di tutelare tutti i beni culturali e ambientali dell'area metropolitana di Roma (con esclusione del territorio del Comune di Roma) e della provincia di Viterbo.

In essa confluiscono parte degli uffici e servizi prima afferenti alla Soprintendenza Archeologia del Lazio e dell'Etruria meridionale e alla Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio per le provincie di Roma, Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo.


L'ARTE TI SOMIGLIA

La nuova campagna di promozione dei musei dei Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, clip realizzata in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia e la regia di Paolo Santamaria

News Archivio news

AVVISO BANDO DI GARA PER LAVORI DEL “MAUSOLEO DEI PLAUTII – MANUTENZIONE, RECUPERO E VALORIZZAZIONE – TIVOLI (RM)”

Pubblicato l'avviso nella sezione "Bandi e avvisi"

Atti del convegno 23 febbraio 2017

Presentazione dei volumi X e XI degli Incontri di Studi “Lazio e Sabina”.

Il 23 febbraio 2017 alle ore 17, presso la sede di Via Cavalletti 2, nella Sala delle Colonne Doriche verranno presentati i due volumi degli Atti del X e XI Convegno “Lazio e Sabina”, che finalmente vedono la loro edizione cartacea, dopo l’edizione on line sul sito dell’allora Soprintendenza ai Beni Archeologici del Lazio del volume X.

Inaugurazione area archeologica rinvenuta durante i lavori effettuati per la realizzazione del ristorante Mc Donald’s di Marino (Rm).

McDonald’s ha realizzato, sotto la direzione tecnico-scientifica della Soprintendenza, un’operazione di valorizzazione di un tracciato viario romano che si raccorda all’Appia Antica, fiancheggiato da sepolture.

Da oggi tutti i cittadini possono visitare gratuitamente l’area archeologica che è stata corredata da una comunicazione didattica bilingue e di un itinerario dedicato ai bambini.